Stella diffama il partigiano Crotti e la giustizia lo condanna

Lo scrittore Gianfranco Stella è stato condannato a  pagare un Nemesio_Crottirisarcimento corposo, oltre le spese legali e a farsi carico di pubblicare la sentenza, al partigiano Nemesio Crotti, di Reggio Emilia.

L’accusa di diffamazione avverso lo scrittore Stella è stata condotta dagli avvocati Alfredo Gianolio e Riccardo Sabadini che così commentano la sentenza emessa dal tribunale di Ravenna:  “La sentenza  costituisce un ulteriore passo verso il riconoscimento della necessità di utilizzare metodi storiograficamente corretti nella ricostruzione dei fatti riguardanti il periodo bellico e post bellico”. 

L’ANPI di Ravenna si congratula con gli avvocati Gianolio e Sabadini per aver portato a termine con successo le giuste istanze del nostro partigiano Crotti. Riconosce al tribunale di Ravenna scrupolo d’analisi e serietà. Dichiara che l’approssimazione dei fatti storici, finalizzata  ad offendere la Resistenza  e suoi protagonisti, è per molti scrittori un consapevole pettegolezzo per avere un facile successo, dannoso però alle basi democratiche e antifasciste del nostro Paese.

Share

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.