Luciana Branzanti

Con cordoglio comunichiamo la scomparsa di Luciana Branzanti, patriota , vedova di Gino Pozzi.

L’ANPI di Savarna esprime le condoglianze alla famiglia.

Ricordiamo con affetto l’intensa testimonianza rilasciata per il nostro libro “A’vè fat d’la vita” , il cui titolo è tratto dalla sua intervista.

Il direttivo 

Share

ANPI Forlì/Cesena – Viaggi della memoria e viaggi attraverso l’Europa, i nuovi bandi; gli ultimi eventi e la chiusura estiva

Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea
di Forlì-Cesena – www.istorecofc.it

Newsletter n. 9/2019

 
ISREC_FC_25_04_2015

SOMMARIO:
Viaggi attraverso l’Europa e Viaggi della memoria: i nuovi bandi
75° anniversario delle stragi di Tavolicci e del Carnaio
La mano mi trema (spettacolo teatrale)
– Chiusura estiva dell’istituto

Viaggi attraverso l’Europa e Viaggi della memoria: i nuovi bandi

L’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha pubblicato i bandi per

VIAGGI ATTRAVERSO L’EUROPA 2020” e “VIAGGI DELLA MEMORIA 2020“. 

Le domande per la concessione del contributo vanno inviate entro il 15 ottobre 2019 all‘Istituto storico della Resistenza della propria provincia.

Le scuole e i soggetti interessati possono rivolgersi all’Istituto storico per avere informazioni sul bando e supporto alla progettazione e alla compilazione della domanda. 
In settembre, l’Istituto storico di Forlì-Cesena organizzerà un incontro rivolto agli insegnanti per approfondire i contenuti dei bandi ed agevolare la compilazione delle domande. 

Tutta la documentazione utile – bandi, modulistica, ecc. – è disponibile al seguente link.
Invitiamo gli interessati a consultarla per tempo.

Continue reading ANPI Forlì/Cesena – Viaggi della memoria e viaggi attraverso l’Europa, i nuovi bandi; gli ultimi eventi e la chiusura estiva

Share

Da Predappio al Donbass

Domenico Quirico – La Repubblica – 16/07/2019

Ci siamo distratti: con il preannuncio di immancabili saturnali islamisti da celebrare a casa nostra, di sbarchi di maomettani fanatici da Fregene a Capalbio. Ci siamo distratti con le ciucche parolaie sui “foreign fighters” coranici nativi di Treviso o di Catanzaro che stavano per tornare a casa dalla Siria per le loro crociate al contrario. Distratti. Immemori. Sempre lì a occhieggiare il migrante con la barba un po’ lunga, lo spacciatore dall’occhio un po’ vendicativo, l’immigrato che compie un po’ troppi viaggi nel Sahel. Restava poco tempo per il resto.

E così ti svegli un mattino e scopri che i fucili d’assalto, quelli veri, da riempire un’armeria; e pure il missile, sì, il missile aria aria, ce l’avevano in garage, a Voghera!, adepti nostrani di culti delinquenteschi con base a Torino, Novara, Pavia. Altro che Raqqa! Altro che Califfo! Voilà: i “foreign fighters” padani con il jihad scritto non sul Corano, ma su nostalgiche bandiere del Terzo reich per fortuna non millenario. Fascisti? Sì: fascisti, quelli lì. I jihadisti di Sabratha e di Mossul un missile così lo sognavano di notte, pregavano Allah che ne regalasse uno, uno solo. Sì che avrebbero aumentato così il fatturato della guerra santa!

A furia di minimizzare: su, dai, ma sono sempre i soliti quattro cretini, quelli del pellegrinaggio in bus a Predappio, da Lui, tutto compreso pranzo al sacco sangiovese con tappo a corona Giovinezza e se hai grano torni con il testone del duce in bronzo made in Hong Kong che lo metti in giardino al posto del nano. Tanto ormai chi se ne frega dell’apologia eccetera eccetera! Quelli che sono fermi, senza aver mai letto un libro ci mancherebbe, alla triade Evola Guenon Jünger.

A furia di storicizzare: uffa questo antifascismo! Il fascismo ovviamente era un’altra cosa, è morto, è evidente, il 25 luglio del 1943. A furia di “figli del secolo” e nipotini sbilenchi di revisionismi imparaticci, di una rancida storiografia in sfacelo. A furia di interviste al nostalgico, rancido di fiele e rivincite: ma lei è fascista? Su ce lo dica sì viva il duce a noi! Questa è la radio, urrah!

E invece i fascisti erano lì, sempre uguali a se stessi. Travet dell’estremismo, in fondo. Ma con il missile nella rimessa. Riconosciamo gli ingredienti della vecchia cucina, la cattiveria ebete e viperina, la ripugnante epilessia del culto delle armi, la braveria minacciosa e marrana, la stupidità torbida, acre, funesta: come ai tempi dei lugubri sansepolcristi e delle nauseanti birrerie di Monaco di Baviera.

Non abbiamo prestato attenzione a queste anime guaste che hanno allungato il pellegrinaggio: da Predappio al Donbass. È quella l’ultima thule dei soldatini di destra, che si addestrano e si arruolano tra gli indipendentisti a libro paga di Putin o, indirizzo intercambiabile, tra i patrioti ucraini, ma con pedigree fascistoide ed antisemitismo accluso. Ahimé, la melma che è affiorata con la rivoluzione dei Maidan e che ha trovato nella delusione del dopo nuova e tossica linfa.

Luogo limaccioso l’ex bacino carbonifero del Donbass, disperde scorie. Dove c’è una guerra che tutti facciamo finta di non vedere. Dove con i missili fanno precipitare aerei civili. Dove mafie globalizzate ed estremismi marci di rancori, modelli criminali evoluti, comprano arsenali chiavi in mano, e seguono dressage di violenza perfetta cioè quella vera: altro che playstation e sparatorie nei boschi, sperando che i carabinieri non sentano. Attenzione a non minimizzare, un’altra volta. A ridurre il garage di Voghera a folclore. Par già di sentire gli avvocati dei detentori del missile: semplici collezionisti.

Share

ANPI Forlì / Cesena – Da “non garantiti” a precari. Il movimento del ’77 e la crisi del lavoro nell’Italia post-fordista

Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea
di Forlì-Cesena – www.istorecofc.it

Newsletter n. 9/2019

 
ISREC_FC_25_04_2015

Da “non garantiti” a precari.
Il movimento del ’77 e la crisi del lavoro nell’Italia post-fordista

Con piacere comunichiamo che è stato pubblicato il volume
Da “non garantiti” a precari. Il movimento del ’77 e la crisi del lavoro nell’Italia post-fordista
a cura di Domenico Guzzo (FrancoAngeli, 2019).

Il volume ricostruisce la dialettica fra il rapido consumarsi del movimento ’77 e l’affermarsi della precarietà lavorativa nell’Italia del post-miracolo economico, secondo un inedito e fertile approccio interdisciplinare, che spazia dalla storia contemporanea alla sociologia, passando per la filosofia politica, la critica artistica, gli studi giuridici, l’analisi dei processi produttivi e finanziari. Incrociando diversi sguardi metodologici su fisionomia, finalità e saperi di questo fenomeno sociale unico al mondo – autorappresentazione della “generazione dei non garantiti”, ovvero la prima leva di giovani che sentiva di non avere un futuro certo e degno perché, orfana del “boom”, sarebbe vissuta in un mondo di recessione permanente – si è potuta concentrare l’attenzione sul tornante della storia italiana che ha aperto la “crisi del Sistema-Paese”.
Muovendo lungo la problematica geografico-territoriale dell’asimmetrico sviluppo nazionale, con una particolare considerazione allo snaturarsi dei tradizionali modelli di eccellenza come il cosiddetto “modello emiliano-romagnolo”, e senza tralasciare continuità e fratture con il retaggio sessantottino, si è così arrivati ad affrontare il conflittuale processo di decentralizzazione del lavoro in Italia, nel più ampio formarsi di una nuova dimensione post-fordista e post -salariale dell’organizzazione capitalista occidentale.

Consulta il flyer (pdf) Continue reading ANPI Forlì / Cesena – Da “non garantiti” a precari. Il movimento del ’77 e la crisi del lavoro nell’Italia post-fordista

Share

Nei luoghi della Memoria

Pubblichiamo la bellissima lettera di ringraziamento da parte dell’Istituto Guido Novello di Ravenna, pervenuta alla Sezione Luigi Fuschini dell’ANPI Ravenna, in merito al progetto “Nei luoghi della Memoria

A seguire la risposta di Riccardo Colombo rappresentante del Direttivo della Fuschini.

Prossimi progetti della Sezione (2019/2020): una “Guida dei Luoghi del Lavoro” e una nuova mostra itinerante “I Quattro Luoghi della Storia”.

La risposta di Riccardo Colombo

Gentile professore Gennaro Zinno,

sono sinceramente commosso per i complimenti rivolti alla Sezione Luigi Fuschini ANPI per il lavoro svolto.

Come preannunciato alle insegnanti delle sei scuole coinvolte nell’anno scolastico 2018-2019, anche nel 2019-2020 continueremo con un nuovo progetto.

Una Guida dei Luoghi del Lavoro, partendo dalla storia del movimento cooperativo ravennate. L’intento è di trasmettere alle ragazze e ai ragazzi il lavoro come solidarietà e senso di appartenenza al proprio territorio. Sono convinto che il lavoro debba tornare al centro del nostro sistema di valori e non debba essere ricondotto alla sola ricerca di una reddito di sopravvivenza o, nel caso migliore, ad un percorso individuale di valorizzazione professionale ed economica. Questo progetto verrà portato avanti insieme al Circolo dei Cooperatori della Romagna e prevede un incontro con un rappresentate di una cooperativa, della quale si studierà la storia, e poi una visita in azienda.

Una mostra itinerante con oggetto “Quattro Luoghi della Storia“: campo di concentramento di Fossoli, Monte Sole, Villa Emma e Casa dei Fratelli Cervi. Anche questa mostra è messa a disposizione da conCittadini dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna.

Proseguiamo determinati ! La ringraziamo ancora dei complimenti e sarà mia cura trasmetterli agli iscritti della Sezione Luigi Fuschini.

Cordiali saluti Riccardo Colombo

Share