La calata di Salvini su Roma

Salvinia RomaSalvini ha fatto la sua calata su Roma”. Non proprio una marcia – anche se la presenza dell’estrema destra neofascista di “Casa Pound” solleva ricordi inquietanti – ma la sua auto proclamazione come capo nazionale di una destra populista, antieuropea, xenofoba.

È il risultato inevitabile del declino di Berlusconi, di chi ha saputo tenere insieme per venti anni le anime diversissime dello schieramento moderato-conservatore-populista sotto una parvenza “liberale”.

Ora, l’affermarsi di Salvini come capo della Lega e dell’estrema destra crea preoccupazione, deve creare preoccupazione.

Deve essere chiara una cosa, però: oltre alla sacrosanta difesa di valori della Democrazia, della Costituzione, dell’Antifascismo, il modo vero di sconfiggere questi è sottrargli la materia di cui si alimenta: la paura, la preoccupazione del futuro, la disperazione. Dare alla gente una prospettiva, questo è l’obiettivo di ogni forza che voglia proporsi di sconfiggere Salvini.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.