I Martiri del ponte degli allocchi

LinaLeonida Bedeschi, della Brigata Nera Ettore Muti, è soprannominato Cativeria perché è un uomo noto per omicidi e bastonature (e nemmeno è alieno all’arricchimento indebito); per questo motivo il gappista Napoleone ed una staffetta gli tendono un agguato al Ponte degli Allocchi, appena fuori dalle mura di cinta, in luogo Port’Aurea. L’azione è condotta in pieno giorno.

La staffetta ha il compito di segnalare quando arriva e se non ci sono pericoli, Napoleone deve sparare.

Cativeria è in moto e giunge sul posto in anticipo, di sorpresa.

Napoleone, senza palesare troppo, non rimanda l’opportunità e con un solo colpo lo uccide in piena fronte.

Poi, in bicicletta, si dirige verso il borgo San Biagio, ma viene fermato da una camionetta di tedeschi e arrestato. Più tardi viene catturata anche la staffetta.

Entrambi vengono tradotti alle carceri circondariali: è il 18 agosto.

Segue subito un rastrellamento delle brigate nere e dei tedeschi nelle vie del centro. Vengono fermati uomini di ogni età, caricati su camion e pure loro tradotti alle carceri. A queste azioni indiscriminate, fanno seguito irruzioni nelle case di conosciuti antifascisti che, arrestati, seguono la sorte di tutti gli altri. La modesta prigione si riempie di detenuti comuni e politici, questi ultimi sottoposti a interrogatori, e nel contempo viene istituito un tribunale militare che comprende anche autorità civili: il Questore e il Podestà.

Risulta immediatamente che, oltre ai due che hanno condotto l’azione, nessun colpevole c’è, e men che meno lo sono i semplici cittadini.

Cativeria, va ricordato, è inviso agli stessi comandanti militari e politici, come risulta dalle testimonianze dei richiami orali e scritti che gli sono stati comminati, dalle accuse di continua insubordinazione. Ciò nonostante i comandi militari, ancor prima che la sentenza venga emessa, decidono di dare alla città una lezione sul modello tenuto dai nazifascisti in Jugoslavia, per un fascista colpito a morte anche trenta civili uccisi.

A difendere i carcerati intervengono alcuni prelati e qualche personalità di cultura, ottengono appena la riduzione dei condannati.

Vengono scelte le seguente persone: Augusto Graziani, Domenico Di Janni, Michele Pascoli, Raniero Ranieri, Aristodemo Sangiorgi, Valsano Sirilli, Edmondo Toschi, Giordano Valicelli, Pietro Zotti, Mario Montanari.

I brigatisti neri fanno a gara per partecipare all’esecuzione che deve avvenire la mattina del 25 agosto, all’alba.

A comandare il plotone sarà uno dei più potenti e crudeli fascisti, tale Morigi.

Il luogo è appena fuori dalle mura, non lontano dallo stesso Ponte degli Allocchi.

I condannati sono increduli.

Non sono colpevoli.

Gli pare impossibile.

Si distingue il barbiere comunista Michele Pascoli, che accetta politicamente la sua sorte (l’aveva detto: «Quando il Fascismo sarà spazzato via, molti di noi non ci saranno più!»). L’azionista Mario Montanari, professore al liceo scientifico e membro del CLN, tenta una fuga a piedi ma viene raggiunto e ucciso in un fosso tra i campi.

A fucilazione avvenuta, Napoleone e Lina vengono portati davanti a pali della luce divelti, incastrati in cavalli di Frisia e da dove penzolano due corde-cappio. Napoleone non si regge dalle torture subite e subito viene impiccato, dopo tocca a Lina che si batte con energia ed è lo stesso Morigi che le infila il cappio e la tira per i piedi.

La città è attonita, ma non ha tempo di pensare a questi lutti, la notte stessa le si abbatte sopra il più violento bombardamento alleato che mai abbia subito.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.