No alla commemorazine di Ettore Muti!

L’ANPI apprezza e condivide con il sindaco De Pascale la necessità di far vietare la commemorazione di Ettore Muti all’interno del cimitero. Già in giugno la nostra associazione aveva raccolto l’adesione firmata dai segretari provinciali Cgil, Cisl e Uil e l’aveva trasmessa al sindaco con la lettera che alleghiamo.

Auspica inoltre che le notizie di stampa che anticipano l’arrivo dei neofascisti a Ravenna non corrispondano al vero e che, seppur così avvenga, le forze di polizia sappiano garantire l’applicazione della legge che vieta manifestazioni e simboli fascisti.

Share

Manifestazione per Ettore Muti: Sgradita e offensiva per l’antifascismo!

Clicca sulla foto per leggere le schede informative sulla Resistenza a Ravenna

Così il sindaco di Ravenna Michele de Pascale commenta la manifestazione in memoria del gerarca fascista che ogni anno fa tanto discutere la città

“L’annunciata manifestazione politica collegata alla morte del gerarca fascista Ettore Muti è a pieno titolo da iscriversi in un susseguirsi, anche nel territorio romagnolo, di celebrazioni ed eventi organizzati da forze estremiste e nostalgiche, con l’intento di generare un clima d’intolleranza, odio e xenofobia, e che spesso assumono i connotati del reato di apologia del fascismo”.
 
“In particolare, qualora le istituzioni competenti dovessero valutare di autorizzare la manifestazione – prosegue de Pascale – sottolineo fortemente la necessità che nulla abbia luogo all’interno del cimitero di Ravenna, nel rispetto dei defunti, fra i quali moltissimi eroi della Resistenza, grazie ai quali Ravenna è insignita della Medaglia d’oro al valor militare. In attesa di valutare alcuni provvedimenti al fine di contrastare qualsiasi genere di cerimonie riconducibili alla simbologia e ideologia fascista su tutto il territorio comunale, e al di là degli aspetti giuridici e formali, ci tengo a ribadire che il sentimento diffuso di questa comunità, come confermano la petizione e le numerose lettere presentatemi, è quello di considerare manifestazioni come questa sgradite e offensive della gloriosa storia antifascista della nostra città”.
Share

Addio a Simone Veil, morta la prima presidentessa del Parlamento europeo

30 giugno 2017

È morta all’età di 89 anni Simone Veil, storica esponente della politica francese e prima presidentessa del Parlamento europeo.

A darne notizia all’agenzia di stampa France Presse è stato suo figlio Jean, ricordando che avrebbe compiuto 90 anni il 13 luglio prossimo.

Nata a Nizza nel 1927 con il cognome di Jacob, Simone Veil si è spenta nelle scorse ore nella sua casa di Parigi. Essendo discendente di una famiglia di religione ebraica a soli 16 anni, durante la seconda guerra mondiale, fu deportata ad Auschwitz-Birkenau con tutta la sua famiglia. Riuscì a sopravvivere ai campi di concentramento nazisti solo con la sorella, mentre la madre, il padre e il fratello non hanno fatto mai più ritorno. Continue reading Addio a Simone Veil, morta la prima presidentessa del Parlamento europeo

Share

Strage di Brescia, tutti condannati

DOPO 43 ANNI LA CASSAZIONE MANDA MAGGI E TRAMONTE ALL’ERGASTOLO. GIUSTIZIA, finalmente.

Martedì 20 giugno la Corte di Cassazione a Roma ha scritto una pagina di storia. Pochi minuti prima delle 23,30 il presidente della prima sezione Domenico Carcano, dopo nove ore di udienza e altre tre di camera di consiglio, ha confermato gli ergastoli per Maurizio Tramonte e Carlo Maria Maggi per la strage di piazza Loggia a Brescia. Era il 28 maggio del 1974 quando nella centrale piazza della città esplose un ordigno provocando la morte di otto persone: Giulietta Banzi Bazoli, Clementina Calzari, Trebeschi, Livia Bottardi Milani, Alberto Trebeschi, Euplo Natali, Luigi Pinto e Vittorio Zambarda. Continue reading Strage di Brescia, tutti condannati

Share

Bella, pulita e concreta

Sezione ANPI di Bagnacavallo: la sua storia, il suo lavoro, i suoi partigiani. E un progetto di sviluppo. Ne parla la Presidente Valentina Giunta

Bagnacavallo (Ravenna), 16.747 abitanti, 216 iscritti all’ANPI, 3.316 “Mi piace” sulla pagina Facebook della Sezione, a conferma di una organizzazione particolarmente attiva e vivace. Nelle scorse settimane la Sezione ha versato 200 euro di sottoscrizione per questo giornale. Abbiamo conversato con Valentina Giunta, Presidente della Sezione, sui loro partigiani, la loro storia, il loro lavoro. E anche su questo giornale…

Dall’ultimo numero di  Patria Indipendente un bell’articolo dedicato alla Sezione ANPI di Bagnacavallo, scritto da Natalia Marino 

Leggi l’articolo su Patria Indipendente

 

Share