Attualità, Prima Pagina, l’importanza di essere partigiani oggi

Carla Nespolo è la nuova Presidente Nazionale dell’ANPI

3 Novembre 2017

Eletta all’unanimità dal Comitato Nazionale dell’Associazione riunitosi oggi, è il primo Presidente nazionale ANPI donna e non partigiano. Carlo Smuraglia nominato Presidente emerito.

Il Comitato Nazionale ANPI, riunitosi oggi, a seguito delle previste dimissioni di Carlo Smuraglia che nel Congresso di Rimini del 2016 accettò il rinnovo dell’incarico seppure a termine, ha proceduto alla elezione del nuovo Presidente Nazionale dell’ANPI. È stata votata all’unanimità Carla Nespolo, prima Presidente dell’ANPI donna e non partigiana. Carlo Smuraglia è stato, sempre all’unanimità, nominato Presidente Emerito affinché continui una proficua collaborazione con particolare riferimento a specifici temi quali l’attuazione della Costituzione, l’impegno antifascista e la realizzazione del Protocollo ANPI-MIUR.

Chianciano Terme 3 novembre 2017

Share

No alla commemorazine di Ettore Muti!

L’ANPI apprezza e condivide con il sindaco De Pascale la necessità di far vietare la commemorazione di Ettore Muti all’interno del cimitero. Già in giugno la nostra associazione aveva raccolto l’adesione firmata dai segretari provinciali Cgil, Cisl e Uil e l’aveva trasmessa al sindaco con la lettera che alleghiamo.

Auspica inoltre che le notizie di stampa che anticipano l’arrivo dei neofascisti a Ravenna non corrispondano al vero e che, seppur così avvenga, le forze di polizia sappiano garantire l’applicazione della legge che vieta manifestazioni e simboli fascisti.

Share

Manifestazione per Ettore Muti: Sgradita e offensiva per l’antifascismo!

Clicca sulla foto per leggere le schede informative sulla Resistenza a Ravenna

Così il sindaco di Ravenna Michele de Pascale commenta la manifestazione in memoria del gerarca fascista che ogni anno fa tanto discutere la città

“L’annunciata manifestazione politica collegata alla morte del gerarca fascista Ettore Muti è a pieno titolo da iscriversi in un susseguirsi, anche nel territorio romagnolo, di celebrazioni ed eventi organizzati da forze estremiste e nostalgiche, con l’intento di generare un clima d’intolleranza, odio e xenofobia, e che spesso assumono i connotati del reato di apologia del fascismo”.
 
“In particolare, qualora le istituzioni competenti dovessero valutare di autorizzare la manifestazione – prosegue de Pascale – sottolineo fortemente la necessità che nulla abbia luogo all’interno del cimitero di Ravenna, nel rispetto dei defunti, fra i quali moltissimi eroi della Resistenza, grazie ai quali Ravenna è insignita della Medaglia d’oro al valor militare. In attesa di valutare alcuni provvedimenti al fine di contrastare qualsiasi genere di cerimonie riconducibili alla simbologia e ideologia fascista su tutto il territorio comunale, e al di là degli aspetti giuridici e formali, ci tengo a ribadire che il sentimento diffuso di questa comunità, come confermano la petizione e le numerose lettere presentatemi, è quello di considerare manifestazioni come questa sgradite e offensive della gloriosa storia antifascista della nostra città”.
Share

Ciao Luciano!

L’ANPI saluta oggi, con affetto e dolore, il proprio Vice- Presidente Vicario: Luciano Guerzoni.

È il saluto che, per mio tramite, rivolgiamo alla Famiglia che tanto amava, alle Istituzioni emiliane e nazionali, alla sezione ANPI di Modena, agli amici e compagni presenti.

È il saluto del Presidente Nazionale Carlo Smuraglia –impossibilitato a partecipare perché all’estero- in quale ha inviato un messaggio, in cui afferma di essere addoloratissimo per la scomparsa di Guerzoni e annuncia che l’ANPI organizzerà in settembre una grande iniziativa in suo ricordo.

È il saluto della Presidente Nazionale ARCI Francesca Chiavacci, con cui Guerzoni e tutta l’ANPI hanno proficuamente collaborato.

È il saluto di Claudio Betti, Presidente della Confederazione Italiana Delle Associazioni Combattentistiche e Partigiane, di cui Guerzoni era Vice- Presidente.

È il saluto dei membri del Comitato Nazionale  e della Segreteria dell’ANPI, molti dei quali, come Marisa Ferro e Carla Argenton e tanti altri che, mi scuso di non poter citare individualmente, sono qui presenti oggi; dei Presidenti ANPI provinciali e regionali venuti da tante parti d’Italia e prima di tutto delle partigiane e dei partigiani. Degli antifascisti di ogni età.

Siamo la sua gente, il suo popolo e Guerzoni, nel suo modo riservato, amava il suo popolo.

LEGGI IL DISCORSO COMPLETO – CLICCA QUI

Share