Discorso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione del 2 giugno 2019

Libertà e democrazia non sono compatibili con chi alimenta i conflitti, con chi punta a creare opposizioni dissennate fra le identità, con chi fomenta scontri, con la continua ricerca di un nemico da individuare, con chi limita il pluralismo. Soltanto la via della collaborazione e del dialogo permette di superare i contrasti e di promuovere il mutuo interesse nella comunità internazionale.

Abbiamo bisogno di praticare attenzione e rispetto reciproco, nella libertà e nella legalità internazionale per avanzare nella strada del progresso con il dinamismo che contrassegna il mondo contemporaneo in cui viviamo. I valori della civiltà contrastano in modo radicale con l’idea di fomentare scontri, con la continua ricerca del nemico. Il sentimento di appartenenza ad una comunità coesa e solidale si cementa attraverso l’equilibrato contemperamento degli interessi, essenza della funzione di mediazione che i Prefetti esercitano in più ambiti, alla ricerca di un punto di incontro che anteponga il bene generale alle convenienze particolari.  Continue reading Discorso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione del 2 giugno 2019

Share

EDITORIALE DI EZIO MAURO, UNA DEMOCRAZIA SENZA GOVERNO, REPUBBLICA DEL 20 MARZO 2019–pag. 1-25

L’ultimo esperimento che il laboratorio Italia sta regalando all’Occidente è inedito: una democrazia senza governo. Un sistema che galleggia, depauperando la scarsa ricchezza del Paese e la sua residua credibilità, tra spinte propagandistiche contrastanti che si neutralizzano a vicenda, incapaci di tradursi in politica: appunto perché mancano una guida, un indirizzo, una visione comune del futuro, la responsabilità di indicare un percorso di crescita e di sviluppo. È esattamente quel che tocca a ogni governo, sotto qualsiasi latitudine.

Ed è evidentemente quel che manca all’Italia, perché il governo non c’è.

Potremmo dire che non è mai nato.

Due mezzi vincitori che si erano contrastati in campagna elettorale con due diverse interpretazioni del populismo si sono coalizzati in nome dell’antipolitica, senza un’idea condivisa del Paese, ma con una comune pulsione di destra che punta ad azzerare la vicenda repubblicana, segnando un’ora “x” che riscriva la storia. Da una vittoria mutilata è nato un governo minimo, sospettoso e geloso, che ha trasformato il presidente del Consiglio da organo di indirizzo politico in semplice notaio del patto tra i due padroni dell’esecutivo, quasi un dipendente, costretto a replicare il mantra di un mondo nuovo che non ha la licenza nemmeno per immaginare, come il “cambiamento” che non c’è. Continue reading EDITORIALE DI EZIO MAURO, UNA DEMOCRAZIA SENZA GOVERNO, REPUBBLICA DEL 20 MARZO 2019–pag. 1-25

Share

Se si perde il senso dello Stato

Luigi La Spina – La Stampa – 3 giugno 2019

Neanche la festa più solenne del nostro Stato, la Festa della Repubblica, è passata indenne da una becera polemica propagandistica, perché definirla politica offenderebbe quella attività umana che Aristotele riteneva più nobile.

Era già successo durante le celebrazioni per il 25 aprile, quando il Presidente Mattarella, sulla scia del rilancio del sentimento patriottico nazionale voluto dal suo predecessore Ciampi, aveva parlato della Resistenza come “secondo Risorgimento” e Salvini si era sottratto alle celebrazioni ufficiali con la scusa di inaugurare una sede di polizia a Corleone. Ora si è dovuto assistere a un’altra miserevole strumentalizzazione di una ricorrenza fondamentale per gli italiani, quella che ricorda, dopo il fascismo e la guerra civile, la costituzione di uno Stato repubblicano sulla base del valore della libertà e democrazia. Grave è stato che proprio la terza carica della Repubblica abbia innescato una assurda polemica. Un presidente della Camera dovrebbe essere consapevole della sua responsabilità istituzionale nell’impegno alla coesione politica e sociale del nostro Paese e, quindi, a non alimentare pretesti di divisioni tra i suoi concittadini. Perché la festa più importante della Repubblica non si dedica a nessuno, dal momento che non è la conquista di un premio, ma il ricordo di valori che uniscono tutti, conquistati a prezzi di enormi sofferenze e lutti e, perciò, patrimonio della nazione intera. Altrettanto grave è che il vice-premier del governo abbia subito colto l’occasione per ripetere lo slogan del “primi gli italiani”, perché valori come democrazia e libertà non si vincono in una gara di cora o una graduatoria di un concorso.

Peccato che questo squallido battibecco sia avvenuto a meno di 24 ore dal preoccupato appello che il presidente delle Repubblica aveva rivolto durante la festa al Quirinale, con parole quasi profetiche rispetto a quello che è avvenuto il giorno dopo: “libertà e democrazia non sono compatibili con chi alimenta i conflitti, con chi punta a creare opposizioni dissennate tra le identità, con chi fomenta scontri”. Frasi che fanno comprendere come Mattarella sia giustamente timoroso delle conseguenze sulle sorti del nostro Paese di un clima in cui non solo la classe politica italiana, ma l’intera classe dirigente, siano sempre più tentate di abdicare alle proprie responsabilità.

Sintomatico, a questo proposito, è stato anche un altro episodio che ha contribuito a guastare un clima di unità nazionale, la celebrazione di quello che una volta si chiamava “sentimento dello Stato”. La diserzione, cioè, dalla parata del 2 giugno di alcuni generali, in polemica con il governo e, in particolare, con il ministro della Difesa. Alti ufficiali delle nostre Forze Armate dovrebbero essere ben consapevoli del loro delicatissimo ruolo di “servitori dello Stato” e che la loro lealtà istituzionale non può ammettere gesti di tale clamorosa dissociazione. Una dissociazione pubblica e, per di più, nell’occasione più solenne per un militare, la sfilata del 2 giugno. I motivi del dissenso possono essere condivisi o meno, ma l’espressione della critica, alla luce proprio di quel loro compito fondamentale per l’equilibrio dei poteri che la Costituzione delimita in modo così rigoroso, non deve mai prestarsi, come immediatamente è avvenuto, a speculazioni politiche. In Italia si sta diffondendo un fraintendimento pericoloso. Si ritiene che il rispetto di presunte antiquate forme di galateo istituzionale, il rispetto di un presunto ipocrita linguaggio di correttezza politica, il rispetto per la dignità del ruolo che si ricopre siano maschere ipocrite che vadano abbattute, in nome della cosiddetta “democrazia del popolo”. Il loro disprezzo, invece, segnala una verticale caduta del senso dello Stato tra i cittadini e tra la classe dirigente, preludio inquietante della perdita proprio della nostra democrazia, quella senza aggettivi, né genitivi.

Share