71° Liberazione di Ravenna – 4 dicembre 2015

MATTEUCCI: «RAVENNA  MEDAGLIA D’ORO DELLA RESISTENZA, OGGI  CITTA’ PARTIGIANA DEL TRICOLORE E DELLA COSTITUZIONE»

Il discorso del Sindaco  in occasione del 71° anniversario della liberazione della città.

MatteucciFabrizio1
Leggi il discorso integrale del Sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci – Clicca sull’immagine

Buongiorno a tutti.

Oggi (4 dicembre 2015, ndr) è un momento importante per la nostra città.

La nostra comunità si ritrova  per celebrare il 71esimo anniversario della Liberazione di Ravenna.
Abbiamo rivissuto, nel bel documentario realizzato dall’Istituto storico della Resistenza, quei giorni cruciali. Abbiamo rivisto le immagini della nostra bella città ferita dalla  guerra.

Abbiamo potuto apprezzare, ancora una volta il coraggioso impegno dei partigiani, raccontato dallo stesso Boldrini con la semplicità che contraddistingue i grandi.
La Presidente del Consiglio comunale Livia Molducci e  il giovane Matteo Pezzani dell’Anpi provinciale che mi hanno preceduto, hanno reso omaggio nei loro interventi  al sacrificio delle donne e degli uomini che sono stati protagonisti della Resistenza.
Hanno ricordato il contributo fondamentale del comandante Bulow e delle truppe alleate.
Hanno evocato la gioia di quella giornata, i sorrisi e gli abbracci delle persone scese in strada per festeggiare la fine di un incubo, la caduta  della dittatura nazifascista.

Hanno reso onore alle migliaia di caduti, alle vittime degli eccidi nazisti che hanno insanguinato il nostro territorio. Hanno espresso sentimenti,  riflessioni che io non posso non condividere: perché è grazie a quelle donne e a quegli uomini, a quei ragazzi e a quelle ragazze che hanno rinunciato ad una parte della loro giovinezza, che hanno sacrificato la vita “per quelli che c’erano, che non c’erano e anche per chi era contro” se oggi viviamo in un Paese libero.
In giornate come questa recuperiamo un pezzo della nostra memoria, una memoria fatta di eventi e di persone che hanno segnato la vita della nostra comunità, che – come appunto  nel caso della Resistenza – ci hanno aiutato a  rialzare la testa quando tutto sembrava senza speranza.
Ogni anno, purtroppo, perdiamo qualche tessera preziosa della nostra storia.

no images were found

Share

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.