#1maggio2021

Carissimə,

la nostra festa dei lavoratori anche quest’anno sarà celebrata con passione e sentimento di gruppo, ma nelle precauzioni causate della ben nota pandemia. Ciò fa rimpiangere il Primo Maggio delle aperture a cultura, diritti, musica e canti: il Primo Maggio degli adulti e dei ragazzi insieme, della sempre bella e importante continua lotta per l’uguaglianza di genere.

E se la Liberazione dal nazifascismo fu lotta partigiana e patriottica nondimeno fu lotta per la sovranità popolare e per la dignità del lavoro. Ce lo dicono i martiri e i tanti giornali che stampati in clandestinità educavano all’Italia nuova dove dai lavoratori venivano forza e idee. E quando dalle brigate, dai commissari politici, dalla clandestinità si passò all’Assemblea Costituente subito si partì dai Principi Fondamentali. Tra questi: l’Italia fondata sul lavoro. 

A CGIL-CISL-UIL va gratitudine antifascista e gratitudine di Popolo. E va pure l’incitamento a continuare per una strada di progresso nella fermezza delle giuste idee davanti al mondo che sta cambiando. Siamo ben convinti che è con gli antifascisti ed è coi lavoratori che deve venire la ripresa del nostro Paese.

Buon Primo Maggio

Comandante Dover Roma

Presidente Associazioni Spinaroni

Professor Ivano Artioli

Presidente ANPI Ravenna

 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.