Ciao Luciano

Con intensa commozione e dolore abbiamo appreso della scomparsa del nostro amato Vice presidente nazionale vicario Luciano Guerzoni.

Una perdita gravissima per tutta l’Associazione che in queste ore sta vivendo momenti di profondo turbamento. Guerzoni  è stato un amico, un grande dirigente nazionale, un autentico democratico,  un appassionato e prezioso organizzatore: grazie al suo infaticabile impegno, per il quale nel 2009 si è potuto dare vita alla nuova stagione dell’ANPI con la Conferenza di organizzazione di Chianciano, la nostra Associazione  è oggi presente e operativa in tutte le province d’Italia.

L’attività politica ha caratterizzato per intero la sua esistenza portandolo a ricoprire cariche di alto livello istituzionale.  Presidente della Regione Emilia-Romagna dal 1987 al 1990, è stato poi Senatore della Repubblica ininterrottamente dal 1992 al 2006,  Presidente e Vice Presidente di Commissione (ricordiamo in particolare quella  d’inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti).  Ma possiamo affermare con convinzione che la sua “Casa” politica, la sua ragion d’essere di attivista della democrazia e dei principi e valori della Costituzione, è stata decisamente l’ANPI.

Salutiamo Luciano Guerzoni con affetto infinito, ci stringiamo al dolore dei familiari e amici e annunciamo che in settembre organizzeremo una iniziativa nazionale tutta dedicata al suo ricordo.

LA PRESIDENZA E LA SEGRETERIA NAZIONALE ANPI

Share

Addio a Simone Veil, morta la prima presidentessa del Parlamento europeo

30 giugno 2017

È morta all’età di 89 anni Simone Veil, storica esponente della politica francese e prima presidentessa del Parlamento europeo.

A darne notizia all’agenzia di stampa France Presse è stato suo figlio Jean, ricordando che avrebbe compiuto 90 anni il 13 luglio prossimo.

Nata a Nizza nel 1927 con il cognome di Jacob, Simone Veil si è spenta nelle scorse ore nella sua casa di Parigi. Essendo discendente di una famiglia di religione ebraica a soli 16 anni, durante la seconda guerra mondiale, fu deportata ad Auschwitz-Birkenau con tutta la sua famiglia. Riuscì a sopravvivere ai campi di concentramento nazisti solo con la sorella, mentre la madre, il padre e il fratello non hanno fatto mai più ritorno. Continue reading Addio a Simone Veil, morta la prima presidentessa del Parlamento europeo

Share

Ciao Rosa!

Rosina Baffé, Staffetta della Resistenza, era parte dei Gruppi di Difesa delle Donne.

A 24 anni, faceva la staffetta per la Resistenza portando documenti partigiani. La figlia ricorda bene come la Rosa amasse raccontare di quella volta in cui a Giovecca, là per Voltana, incinta già di qualche mese, con una panciera piena di dispacci per la base partigiana, dovesse attraversare un passaggio a livello ferroviario.

Il tedesco che la ferma mentre pedala, le chiede se non preferisce scendere del tutto dalla bici, che magari con la sbarra che non si alza troppo sbatte le corna… e lei che di rimando con un sorriso gli indica la pancia, come a dire tanto ormai… per poi chiedere di poter passare di lì di nuovo, al ritorno, che nelle sue condizioni sarebbe meglio non fermare nemmeno la bici. Sai mai il rischio di cadere nel frenare sulla ghiaia.

E quegli che la rassicura che avvertirà ben subito il collega al cambio; una paura, poi, al ritorno che ancora non si capacitava d’averla scampata…

Rosa aveva continuato ad occuparsi di stampa libera e di sostegno alla causa dell’ANPI, aveva plaudito fortemente al monumento La Pedalina, un simbolo alla libertà di stampa per cui anche lei aveva rischiato la vita e quella della figlia in grembo.

Amava la sua spilla Bella Ciaoquel bel fior, ed aveva ricevuto la Medaglia della Liberazione del Ministero, consegnata dal Sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci il 25 aprile 2016.

Baffé, un nome ed una famiglia con vissuti truci come la strage di Massalombarda, ma sempre con la forza e la voglia di non arrendersi e di dare il proprio contributo, anche a 97 anni. 

Ciao Rosa!

Le esequie si terranno sabato 18 marzo 2017, a partire dalle 9:45 dalla Camera Ardente di Ravenna

Share

Salutando Pina

Le esequie della Partigiana Pina Bortolotti si terranno domani, venerdì 3 febbraio 2017, dalle ore 10.30, con partenza dalla Camera Mortuaria di Ravenna.

Un ultimo saluto a Pina, staffetta per la libertà

Ciao Pina!

Share

Ciao Pina!

Quando penso a te, non penso la classica nonna che ti vizia e ti riempie di regali. Quando penso a te penso a due parole: CORAGGIO e SCELTA. Mi hai insegnato che CORAGGIO non significa non avere paura, ma affrontarla e fare comunque quel che si deve fare, “se non avessi avuto paura sarei stata una deficiente“. Mi hai insegnato che quando si fanno certe SCELTE le si portano avanti sempre e comunque, fino infondo. Ma mi hai sopratutto insegnato che se i tempi e le genti cambiano ci si deve tenere al passo e non ancorarsi al passato, i valori con cui si cresce restano gli stessi ma siamo noi a cambiare. Mi hai insegnato che non è necessario aver studiato per essere estremamente intelligenti. Sei una delle donne migliori e più forti che conosca. Sono consapevole che non sarò mai come te, ma me ne sono fatta una ragione, e sono serena soprattutto perché so che sempre e comunque sarai con me in ogni mia SCELTA che cercherò di prendere con CORAGGIO

Tania

La redazione di anpiravenna.it si stringe al cordoglio per la perdita della Partigiana Pina Bortolotti. Grazie alla nipote Tania Eviani per le toccanti parole

Share

Antonio Capucci, Tonino, dirigente ANPI e dell’Associazione Spinaroni

tonino_capucciL’amico fraterno Tonino ci ha lasciati. Improvvisamente.

Dotato di un carattere franco, diretto, naturalmente amichevole, era stato il presidente dell’ANPI di Lugo. Tra i suoi impegni civici e civili il recupero dell’Isola Spinaroni e la nascita della corrispondente Associazione.

Era fortemente convinto dell’importanza di una scuola delle libertà, dei diritti e della storia partigiana. Il suo interesse per la cultura antifascista era pratico e concreto: molti giovani lughesi devono alla sua persona la conoscenza dei luoghi della Resistenza, dei principi democratici e repubblicani.

Gli piaceva andare all’isola e si trovava bene in quella che è diventata la “Brigata Spinaroni”, attiva nel mantenimento della storia partigiana locale.

Comandante Dover Roma, presidente Associazione Spinaroni
Professor Ivano Artioli, presidente ANPI Ravenna

Il funerale ci sarà mercoledì ore 9.00 con partenza dalla camera mortuaria di Lugo. L’associazione Spinaroni sarà presente per dare l’ultimo saluto a Tonino

Share