Bella, pulita e concreta

Sezione ANPI di Bagnacavallo: la sua storia, il suo lavoro, i suoi partigiani. E un progetto di sviluppo. Ne parla la Presidente Valentina Giunta

Bagnacavallo (Ravenna), 16.747 abitanti, 216 iscritti all’ANPI, 3.316 “Mi piace” sulla pagina Facebook della Sezione, a conferma di una organizzazione particolarmente attiva e vivace. Nelle scorse settimane la Sezione ha versato 200 euro di sottoscrizione per questo giornale. Abbiamo conversato con Valentina Giunta, Presidente della Sezione, sui loro partigiani, la loro storia, il loro lavoro. E anche su questo giornale…

Dall’ultimo numero di  Patria Indipendente un bell’articolo dedicato alla Sezione ANPI di Bagnacavallo, scritto da Natalia Marino 

Leggi l’articolo su Patria Indipendente

 

Share

Flash Mob contro il razzismo!

anti-razzismoArci, CGIL, CISL e UIL di Ravenna con la collaborazione della Rete civica antirazzista di Ravenna organizzano sabato 29 ottobre in Piazza del Popolo a Ravenna dalle 16,00 alle 16,30 un flash mob per riaffermare la cultura dell’accoglienza e restare umani! Venite e portate con voi bandiere della pace, stampe su carta colorata: dell’art. 10 e art. 3 della Costituzione Italiana, restiamo umani, benvenuti rifugiati.

Anpi Provinciale Ravenna si unisce all’appello e invita la cittadinanza in piazza del popolo a questa manifestazione pacifica contro nuovi e vecchi razzismi.

Share

L’ANPI si oppone alla celebrazione di ETTORE MUTI

Ettore MutiAnche quest’anno nel cimitero della nostra città s’intende celebrare l’anniversario della morte di Ettore Muti; avvenuta a Fregene il 24 agosto 1943 durante un arresto dei carabinieri e in circostanze ancora discusse, così come sono discusse le motivazioni a quella uccisione.

Ettore Muti fu “fiumano”, fascista della prima ora, ras della città, combattente, segretario nazionale del Fascio e tanto altro. Uomo d’azione partecipò prima alla Marcia su Ravenna e poi alla Marcia su Roma. La “Ettore Muti” fu pure una crudele legione fascista che represse patrioti e partigiani durante la Resistenza.

Una celebrazione questa che ha perso il mero carattere commemorativo, ma è, bensì, una manifestazione che esalta un nuovo fascismo. A volte lo fa esplicitamente e a volte con altri nomi e altre sigle.

Questa è apologia ed è vietata.

Così recitano l’articolo XII delle Disposizioni transitorie e finali della Costituzione, le leggi ordinarie Scelba e Mancino. Mai abrogate! E in questa logica s’inserisce la recente risoluzione regionale dell’Emilia-Romagna nel ritenere apologia di fascismo anche la diffusione di immagini di gadget fascisti.

L’ANPI ricorda che Ravenna è città prima tra le città della Resistenza e si fregia perciò della medaglia d’oro, sottolinea che la celebrazione di Ettore Muti è un’evidente violazione di legge e un’offesa ai martiri antifascisti. Auspica, pertanto, che le autorità competenti non ne diano autorizzazione.

Professor Ivano Artioli
Presidente provinciale ANPI

Share

David Grossman: “Le democrazie europee perderanno l’innocenza”

Per lo scrittore israeliano il rischio è che il terrore del diverso spinga i governi a leggi sempre più repressive. Come accade nel suo paese

dal nostro corrispondente FABIO SCUTO

Rep16Lug2016_GrossmanGERUSALEMME. “Il “lupo solitario” adesso si aggira per le strade delle città europee e questo avvierà una serie di azioni che sono destinate a ferire la democrazia, ad andare verso leggi straordinarie che limiteranno la libertà personale del cittadino. Le democrazie europee perderanno presto la loro innocenza”.

Lo scrittore israeliano David Grossman prova a tracciare un percorso per convivere con il terrorismo, con cui Israele si confronta da molti anni. “Vivere col terrorismo dimostra ancora una volta a che punto la natura umana sia flessibile, fino a che punto impariamo ad adattarci alla dittatura della paura“. Continue reading David Grossman: “Le democrazie europee perderanno l’innocenza”

Share

Comunicato della Segreteria nazionale ANPI sull’omicidio di Fermo

EmmanuelL’ANPI Nazionale, nel condividere le preoccupazioni espresse nel tempestivo comunicato dell’ANPI provinciale di Fermo, si stringe con immensa tristezza al dolore di Chimiary per la perdita del suo caro Emmanuel. Una vicenda inquietante che conferma quanto occorra tenere occhi e coscienza ben aperti dinanzi ad un fenomeno che non cessa di mostrarsi vitale e diffuso: il razzismo. Facciamo appello alla magistratura affinché si faccia rapidamente giustizia e alle forze dell’ordine affinché si vigili con maggiore intensità sull’incolumità dei nostri fratelli migranti. Il Paese ha bisogno di una rinnovata e piena stagione di diritti e convivenza civile. Di una incisiva e operativa stagione di memoria attiva: il fascismo, di cui il razzismo è chiara espressione, non è ancora definitivamente sepolto. L’orrore di Fermo è lì ad attestarlo.

LA SEGRETERIA NAZIONALE ANPI

Roma,  8 luglio 2016

Share