ANPI Ravenna

Cuore Resistenza Libertà

ANPI Ravenna - Cuore Resistenza Libertà

BULOW: CENTO ANNI

Arrigo Boldrini - BulowUNA VITA PER LA LIBERTÀ

Lo stand ANPI quest’anno aumenta gli spazi, che conterranno, oltre a libri, documenti, giornali sulla Resistenza, anche diciotto grandi pannelli in quadri, fotografie e documenti.

Significativa tra tutte sarà poi la serata dell’8 settembre, quando allo spazio dibattiti, di fronte allo stand come sempre, sarà ricordato Bulow da autorità politiche e amministrative e dall’ANPI nella figura di Carlo Smuraglia, presidente nazionale.

Share

Sulla commemorazione di Ettore Muti

Ettore Muti

Clicca sulla foto per accedere alla scheda storica su Ettore Muti e la sua commemorazione in tempo di guerra

Oggetto: commemorazione di Ettore Muti

Ai soci ANPI

Ai cittadini democratici

Interveniamo anche quest’anno, come abbiamo sempre fatto, nel merito della commemorazione del gerarca Ettore Muti prevista per domenica 23 agosto dicendo ancora una volta che non va autorizzata.

Le motivazioni sono di varia natura.

La prima riguarda la stessa persona: all’inizio Ettore Muti fu a capo delle squadracce che terrorizzarono la Romagna, colpendo sedi sindacali, di partiti, municipi e donne e uomini democratici (e non va dimenticato l’assalto e l’incendio alla Lega delle Cooperative di piazza dei Caduti) poi, lo stesso Muti, scalò la gerarchia del partito fascista fino a diventarne il segretario nazionale; fino al suo omicidio, per “fuoco amico” oggi si direbbe.

E non si tratta più di ricordare un caduto da parte di commilitoni, come per lungo tempo si è detto cercando giustificazioni. Le commemorazioni sono diventate vere e proprie esaltazioni del fascismo frequentate da giovani neofascisti sotto nuove insegne; come si evince da documenti cartacei e informatici. Per di più nel nostro cimitero monumentale dove riposano Arrigo Boldrini, Benigno Zaccagnini, Mario Pasi e tanti altri padri della Patria. Peraltro, per questi ultimi, sempre e solo il giusto rispetto e la giusta sobrietà.

Infine, visto e considerato che l’Italia è uno Stato di Diritto, va detto che la legge Scelba e la legge Mancino ordinano (la legge ordina non dà consigli) di impedire, pena punizione, chi esalta pubblicamente il Fascismo, i suoi principi e metodi.

Pertanto l’ANPI invita le autorità preposte a non autorizzare la prevista commemorazione di Ettore Muti. E invita le forze democratiche, politiche, culturali, associative e del lavoro all’unità antifascista e a riconoscersi in questa legittima e giusta posizione; non accettando provocazioni da qualsiasi parte vengano.   

 

Professor Ivano Artioli

Coordinatore regionale ANPI

Share