Il Grido della Farfalla

8° Festival dell’informazione libera

Nb. In caso di pioggia gli eventi previsti in Piazza Unità d’Italia si svolgeranno c/o Sala D’Attorre di Casa Melandri (Via Ponte Marino, 2 a Ravenna)

15 – 16 – 17 – 18 settembre 2016

grido

Perché “Grido Della Farfalla”?

La farfalla è un insetto eminentemente silenzioso la cui natura quasi imponderabile è una presenza visiva. Parlare del grido della farfalla è passare dall’impercettibile al percettibile ma soprattutto dal silenzioso all’udibile. La parola grido è fatta uscire allo stesso tempo dall’ombra e dal silenzio, il visibile fa intendere qualcosa, il registro sonoro di un’amplificazione, non dell’alto oratore ma della cima che parla, è un modo per fare intendere su e molto una voce e il grido della farfalla è il grido dei senza voce. Quelli che sono senza potere e senza voce, come tutti gli insetti, sarebbero facilmente schiacciati dai piedi dei più grandi e ignorati dallo sguardo dei più forti. Essi fanno intendere qualcosa che li fa uscire dal silenzio e li rende visibili. Noi viviamo in un mondo di urla e assordimento di dove la voce del commercio e le voci commercializzate sono inerenti al regno dello spettacolo. Tuttavia la voce è nel vocabolario politico ciò che sostiene l’idea dell’espressione del desiderio del campo elettorale, dunque sono in quello della rappresentazione. Ciò che chiede ai cittadini sono le loro voci. Votare è dare la voce. Quello che vuole essere scelto parte alla conquista della voce degli elettori. Se votare è dare la propria voce, allora è molto importante assumere in un lavoro politico il regime della voce di quelli che sono non soltanto senza voce ma che non possono essere intesi. La domanda del grido è legata all’esigenza politica degli elettori desiderosi di far sentire i loro reclami e i loro clamori. Si tratta, portando una farfalla, di uscire dal silenzio adottando il modo di visibilità che fa uscire l’ impercettibile del silenzio per far capire l’ordine del desiderio come un clamore. Continue reading Il Grido della Farfalla

Share

La Spagna nel cuore

Locandina per Ravenna_LRFesta provinciale dell’Unità di Ravenna 2016

La Spagna nel cuore

Nello spazio espositivo dello stand ANPI, all’interno della festa provinciale dell’Unità di Ravenna, è esposta quest’anno la mostra La Spagna nel cuore.

Racconta l’eroica resistenza dei repubblicani spagnoli al colpo di Stato fascista di Franco e dei suoi sodali: Mussolini e Hitler. E Ravenna nella guerra di Spagna ebbe un ruolo di rilievo perché da questa città partirono 36 antifascisti.

L’autore della mostra è il prof Mauro Remondini. La parte grafica è stata curata da Ombretta Donati. Il montaggio è di Luigi Montanari e Luigi Pernisa.

La sera dell’8 settembre ci sarà un incontro, allo spazio dibattiti della Festa, per parlare della mostra e di questa guerra.

Gli ospiti saranno Mauro Remondini, Beppe Masetti, Guido Ceroni e Bruna Tabarri. Musiche e dialoghi di Gigi Tartaull e Ivan Corbari.

Proiezione di alcune scene del film Terra di Spagna, sceneggiatura di E Hemingway.

Nel nostro stand il libretto sulla mostra (4 euro)

Share

NO PASARAN

8 settembre 2016
presso stand LE PAROLE SONO IMPORTANTI della Festa Unità di Ravenna

La Spagna nel cuore

ore 21 Incontro dei dirigenti dell’ANPI, musiche e letture di Gigi Tartaul e Ivan Corbari e proiezione di scene del film Terra di Spagna con la sceneggiatura di E.Hemingway

 

Locandina per Ravenna_LR

Share